header2018 01 rid

Speciale Soci Cruseri

logo floc 2018-2019

Il Cruseri su FB

facebooklogo

Crus Channel TV

YouTube-logo-full color

Calendario

calendario

PRIMA DIVISIONE: CRUSERI - CASTELSANPIETRO 58 - 49

What the hell am I doin' here? I don't belong here ("Creep", RadioHead)

[trad. Cosa diavolo ci faccio io qui? Io non appartengo a questo posto]

Il nostro corrispondente, ci dice che quanto mostrato dal Cruseri ieri sera poco ha a che fare col Basket.

Bisognava vincere e si é vinto: ma giocando il peggior basket della stagione. Tante, tantissime botte da ambo le parti, per una partita che non é mai decollata dal punto di vista tecnico se non nel finale.

pablohoney


Nei primi due quarti si é visto tanto "basket" di bassissimo livello: tanti errori sotto canestro, scelte poco oculate e gioco spesso inventato sul momento. Al rientro dell'intervallo il Cruseri sopra di 10 punti ha faticato molto per i primi 5 minuti per poi dilagare con un ispirato Ballardini e scavare il solco decisivo:+20 a fine terzo quarto.


Nel quarto periodo il pallino del gioco é stato tenuto dal Castelsanpietro, trovando tanti canestri. Unendo questo ai Blackout mentali dei Biancoblu, gli ospiti sono rientrati fno al - 5 a pochi minuti dalla fine.

A questo punton il Crus ha buttato il cuore contro l'ostacolo (non oltre, Ndr...proprio "contro") ed é risucito a sfangare un partita che probabilmente si é rilevata più difficile di quello che doveva essere.
Note di merito: nessuna, non si può giocare solo per 5 minuti e sperare di portare a casa le partite.
Note di demerito: tante...troppe forzature ed errori dovuti a frenesia ingiustificata. Bisogna ritrovare tranquillità e tornare ad esprimere un buon gioco, come visto nelle prime uscite.

U14: sconfitta per il Cruseri dimezzato

Il nostro corrispondente ci sintetizza la gara in poche parole: Grinta, voglia di fare bene, temperamento e atteggiamento giusti; purtroppo il roster era dimezzato e questo non ci ha permesso di giocare il match ad armi pari.

L'auspicio è quello di affrontare le prossime uscite con la squadra al completo e "dire la nostra" con gli avversari.

In bocca al lupo ragazzi!

PRIMA DIVISIONE: CASTELBOLOGNESE - CRUSERI 45 - 66

Gonna rise up, Find my direction magnetically (cit. Eddie Vedder, "Rise")

[Trad.: Mi solleverò, Trovando la mia strada magneticamente]


Partita in quel di castelbolognese che ha dimostrato tutta la voglia che c'era di riscattarsi per la truppa di Bilardo dopo le due sconfitte patite contro i
Baskers Forlimpopoli e i Warriors di Ravenna. I padroni di casa sono un mix di giovani (tanti) e facce conosciute da diversi anni.
La partita si apre all'insegna delle triple: Castelbolognese trova diverse conclusioni, anche contestate che permette di chiudere avanti il primo quarto,
grazie anche alla tripla di tabella sullo scadere.

into-the-wild-eddie-vedder-pearl-jam-cover-album-back

La precisione dall'arco per la squadra di casa va via via scemando con il passare dei minuti e permette al Cruseri di portarsi avanti con un ispirato Conti già ben prima dell'intervallo.
Nel terzo quarto Castelbolognese perde la bussola e il pallino del gioco: tanto nervosismo mentre i Biancoblu continuano in ritmo senza strafare.
Buoni tiri e buone conclusioni.
Nell'ultima frazione l'avversario si scioglie completamente e il Crus dilaga fino al finale +21. Ottima partita, all'insegna della grinta per una partita che metteva davanti un avversario non da sottovalutare, che darà fastidio a tante squadre.

BUONA LA PRIMA PER GLI AQUILOTTI

Aquilotti 2019-20

Il nostro inviato sul campo ci trasmette questa sintesi:

Prestazione di grinta e cuore per gli aquilotti che alla prima di campionato battono di un soffio Cesenatico.

3 tempi vinti, 2 persi e uno in parità. BRAVI!

 

I prossimi appuntamenti stanno man mano comparendo nel calendario qui a fianco in Home page.

AMATORI: Cruseri - Russi 59-42

Amatori 2019-20

Amateur Cruseri - Lovers Russi: insomma tanto Amore in campo!

Scherzi a parte...il nostro corrispondente ci parla di una partita divertente, tosta ma corretta.

Il Cruseri ha guidato la prima frazione mentre i periodi centrali sono stati più equilibrati (con Russi che ha mostrato alcune belle giocate).

Gli ultimi 10 minuti sono stati nuovamente all'insegna dei padroni di casa.

Per i biancoblu è proprio il caso di dire che è stata una gara del "collettivo" con tabellini distribuiti abbastanza uniformemente ed un buon contributo fornito da tutti i componenti.

Segnaliamo, nella truppa di Bendandi, il debutto (non solo in campionato ma, in assoluto, in una partita di basket) di Alan Carlone che ha ben figurato.

Tabellini

Bartoletti 6, Casali 12, Fusconi 8, Galassi NE, Benzoni F., Carlone 3, Casadio 8, Berti 2, Brunelli 12, Adamache 2, Bernardi 6, Benzoni L.. Allenatore Bendandi 

MAMME "RUGBISTE"

Era da un po' di tempo che volevo dare spazio alle mamme dei nostri Mini-Rugbisti.

Mi interessava conoscere un po' più da vicino quali possono essere state le motivazioni per avvicinare i propri figli a questa disciplina e come viene vissuta la logistica attorno ai vari momenti di questo sport.

Alcune mamme si sono rese disponibili per rispondere ad alcune mie domande: Cristina (mamma di Alessandro), Elena (mamma di Aurelio, Alessandro e Amerigo) e Antonella (mamma di Filippo). Ringrazio loro per la cortesia ma ringrazio anche tutte le altre mamme dei nostri Rugbisty che seguono i loro figli in questa affascinante avventura!

Andrea Pezzi: Come siete venute a conoscenza del Rugby? Quali sono stati gli elementi che vi hanno portato a scegliere questo sport?

Cristina: Sinceramente non sapevo molto. Per passaparola siamo venuti a conoscenza dei corsi organizzati dal Cruseri e abbiamo fatto una giornata di prova. Ho apprezzato fin dall’inizio lo spirito di squadra e la possibilità di viverlo con una minore competitività rispetto ad altri sport mantenendo in allenamento un senso più ludico e consono all’età dei miei bambini. 

Elena: Ho trovato un volantino a San Pietro in Vincoli; lo sport mi aveva già incuriosito per l’approccio inglese più formale e “galante” quindi ho chiamato la Daniela e fissato  la prima prova.

Antonella: Siamo venuti a sapere che hai Cruseri facevano Rugby tre anni fa, grazie alle giornate di presentazione che Simona e Federico facevano nelle scuole durante la lezione di ginnastica. Subito mio figlio si è appassionato sia allo sport che ai due allenatori che hanno, secondo me, il giusto approccio con i bambini. Dopo aver provato sul campo all'aria aperta, nonostante freddo/caldo/acqua/fango, l'entusiasmo di mio figlio mi ha convinto che questo è lo sport giusto per lui.

 All blacks

Come ti poni di fronte ad allenamenti/partite svolti all'aperto e conseguenti lavatrici per eliminare segni di erba/fango? So che molte mamme sono terrorizzate da questo....

Cristina: Io sono felice che possano stare all’aperto e nelle giornate di pioggia i miei ragazzi si divertono ancora di più! Le lavatrici non mi preoccupano e una bella doccia calda risolve tutto.

Elena: Non c’è nessuna mamma dei bambini in squadra preoccupata di questo aspetto, io ho tre figli maschi che fanno tutti e tre rugby e più fango c’è più si divertono.

Antonella: Sinceramente non mi sono mai posta il problema del freddo o del fango...anzi gli allenamenti sotto l'acqua a mio parere sono fantastici e devo dire che da quando facciamo Rugby praticamente Filippo non si è più ammalato! Finito l'allenamento una… bella doccia calda nello spogliatoio Cruseri…una lavatrice per i panni sporchi e il gioco è fatto!!!

Pratichi (o praticavi sport)? Conoscevi il Rugby prima di entrare nella Galassia del Cruseri?

C: Purtroppo nessuno. Sono una irriducibile pigra. Come detto sopra sapevo poco o nulla di Rugby.

E: Faccio sport regolarmente e trovo il Rugby uno sport affascinante per lo spirito di squadra che insegna ai nostri figli; il Rugby Ravenna mi era familiare ma ho pensato che la fortuna di avere una società così vicina a casa andasse riconosciuta.


Cos'è che ti piace di più del Rugby? C'è, invece, qualche aspetto che vorresti cambiare?

C: Sono felice che i miei bambini si divertano. Non mi interessa altro.
E: Il particolare affiatamento tra giocatori e la grande fisicità di questo sport che permette anche ai bambini più timidi di potersi esprimere. Al momento non ho trovato nessun elemento da campiare.
A: Considerando che io personalmente ho praticato Nuoto per circa 6 anni (più o meno direi...nel secolo scorso...) e che non avevo idea di cosa fosse il Rugby…devo dire che il senso di rispetto che insegna questo sport, la non-competizione e il mitico terzo tempo dopo i concentramenti (dove i bambini dopo aver giocato l'uno contro l'altro si ritrovano a tavola a ridere e scherzare su quello che è successo in campo) mi hanno portato a credere che la scelta RUGBY si stata quella giusta.

Hai un idolo sportivo?

C: Nessuno in particolare.
E: Sono appassionata di danza classica, ex ballerina, non posso non apprezzare Bolle e il meraviglioso lavoro di diffusione e sensibilizzazione alla danza che sta facendo.

Terzo tempo

Il Terzo Tempo: ormai una costante di questo sport! Come lo vivi? Momento di aggregazione o un’ulteriore fatica nel cucinare “pietanze extra”?

C: È un bellissimo momento di condivisione ed amicizia.

E: È il momento di condivisione di bambini e genitori; abbiamo imparato tanto in questi 2 anni abbondanti! Impariamo dai bambini ad essere spontanei, a guardare una partita bevendoci una birra o uno Spritz, indossando la maglia della squadra sugli spalti.
A: Anche dopo gli allenamenti spesso ci si ritrova per un terzo tempo negli spogliatoi e preparare qualcosa per i bambini non è certo un problema soprattutto vedendo la e voracità con cui mangiano mentre ridono e scherzano tra di loro.

Che cosa dire?

E' un piacere apprezzare lo spirito che descritto da queste mamme che sembra contagiare di entusiasmo tutto il nostro movimento biancoblu della palla ovale! 

Prima Divisione: Crusri - Warriors 48-55

"Quando ti guardo negli occhi...mi butto giù" (well lately when I look into your eyes I’m goin’ down)

Cit. Bruce Springsteen [I am going down]

Iamgoingdown

Questo è, più o meno, quello che è successo al Cruseri domenica: ha guardato negli occhi quanto fatto nella prima metà del match...e poi si è buttato giù!

Purtroppo, la squadra di Prima Divisione non è riuscita a vendicare la sconfitta (di mercoled' scorso) dei "cugini Amateur" ed ha subito la sconfitta interna nuovamente per mano degli Warriors.

Gli avversari sono ormai noti al pubblico del Crus, gia affrontati diverse volte negli ultimi anni. Avvio a stampo Crus con tanta costruzione di gioco, buone conclusioni e canestri. Nei primi due quarti la banda di Bilardo esprime un gioco sicuramente di un livello più alto, ma i tanti rimbalzi lasciati agli avversari permettono di lasciarli sempre in partita, con un vantaggio si sole due lunghezze all'intervallo lungo.
Dal terzo quarto le cose cambiano, i Warriors danno uno strappo e il Cruseri non reagisce,:quello scarto si potrae fino alla fine della partita e permette di agguantare la vittoria alla squadra ospite fin ora imbattuta.
Nota di merito: il primo tempo e la circolazione di palla, se si gioca con la testa sgombra si vedono tanti buoni tiri.
Nota di demerito: non recuperare dai blackout, sperperando tutto cio che si era fatto di buono fino a quel momento e i troppi rimbalzi in attacco lasciati agli avversari.

ESORDIENTI 2019-20: FOTO DI SQUADRA

ECCO QUA LA FOTO DEGLI ESORDIENTI 2019-20 GUIDATA DA COACH BENDANDI!

Esordienti 2019-20

AMATORI: Cruseri - Warriors 38-62

Allora i Warriors possono vincere anche nel 2019-2020!!!

Così traspare dallo sguardo di Steve Kerr nella foto.

Kerr

 

Purtroppo per lui non si parla della Franchigia della Baia ma "soltanto" (si fa per dire) dei Warrios Ravenna che si sono imposti sul campo del Cruseri.

Partita "bifronte": nei primi 20 minuti il Cruseri ha giocato alla pari con gli avversari (13-13 e 23-26 gli score al 10° ed al 20°); il rientro dagli spogliatoi, invece, ha visto giocare soltanto la squadra ospite che ha dilagato (in particolare nell'ultimo periodo).

Occorre ritrovare subito la continuità e la via del canestro.

Da sottolineare, comunque, il carattere di alcuni biancoblu che hanno - nonostante tutto - lottato con impegno.

Per la prossima gara ci auguriamo di avere la rosa al completo per giocarci tutte le nostre chances (e per fare la foto di squadra...)

Tabellini (parziali 13-13. 23-26, 30-41)

Brunelli 13, Fusconi 6, Casadio 11, Berti 2, Bartoletti 4, Casali 2, Galassi, Benzoni F.

Allenatore: Bendandi 

SERENITA' CONTAGIOSA!!! (Intervista alla Dott.ssa Brunelli)

Siete comodi? Avete 5 minuti per voi?

Allora leggetevi questa chiacchierata con Serena! Fidatevi: ne vale la pena!
Sarà un'occasione per conoscere meglio la sua attività e le sue competenze.
Per i tesserati Cruseri, da questa stagione, sarà possibile avvalersi delle sue consulenze a prezzi vantaggiosi. 

 

Serena: Benvenuta nella galassia Cruseri. Non te ne pentirai! Chiedo direttamente a te di presentarti.

Grazie mille Andrea! Sono Serena Brunelli, vivo a Godo, vicino a Russi, ho 43 anni e sono Psicologa Psicoterapeuta, con specializzazione in Psicoterapia Sistemica – Familiare.

Ai nostri amici vorrei che spiegassi in cos consiste la tua attività professionale.

In quanto Psicoterapeuta, oltre che Psicologa, mi occupo di percorsi di sostegno, consulenza e terapia in ambito psicologico. Sebbene la mia specializzazione prediliga il lavoro sulla famiglia, mediante colloqui in cui siano presenti tutti i membri del nucleo familiare, molto spesso le terapie sono in realtà individuali o di coppia.

Come è nata la tua passione e, di conseguenza, la tua specializzazione in questa disciplina?

La mia passione nasce dal profondo desiderio di aiutare e dalla consapevolezza che, a volte, basta riuscire a vedere le cose da una prospettiva diversa per sentirsi già meglio. Molto spesso rimaniamo “ingabbiati” in un unico ed univoco punto di vista, che ci blocca e ci impedisce di vedere che, in realtà, ci sono sempre molteplici alternative alle nostre condizioni. La nostra sensazione di rassegnazione o impotenza possono affievolirsi fino a sparire, una volta che abbiamo indossato un “paio di occhiali” diversi dai soliti. Ma molto spesso occorre l’aiuto di un professionista esterno che aiuti a vedere al di là del nostro sguardo.

Ecco, questo è ciò che mi piace fare: aiutare a trovare occhiali diversi, sguardi diversi. Da quel momento in poi, è il paziente che individua la sua nuova strada, la sua nuova prospettiva. Liberamente, non condizionato da me. Io lo aiuto a cambiare occhiali, ma la direzione che vorrà seguire, resta sempre una libera scelta del paziente. Io fornisco gli strumenti, ma i veri cambiamenti li decide sempre il paziente. Ci tengo sempre a far capire che io non do le soluzioni, io non prendo le decisioni per nessuno. Io accompagno ad una diversa consapevolezza. Ma non sarò mai io a dare indicazioni dirette o un libretto delle istruzioni. Non è questa la mia idea di Psicoterapia!

SerenaBrunelli

A chi ti rivolgi principalmente (famiglie, ragazzi, adulti....) per le tue consulenze?

Come accennato sopra, la mia terapia prevede colloqui di ogni tipologia: individuali, di gruppo, di coppia o addirittura familiari, coinvolgendo tutti i membri della famiglia del paziente. Le casistiche dipendono da vari fattori, per cui valuto di volta in volta quali sono gli interlocutori da coinvolgere nel percorso o nei singoli colloqui.

Mi capita di lavorare molto anche con i bambini, sia individualmente che in piccoli gruppi. In questo caso si tratta anche di interventi di consulenza e di psico-educazione, non necessariamente di vera e propria psicoterapia.

Insomma, non c’è un protocollo standard, ogni casistica ha una sua evoluzione personalizzata.

Alla nostra Polisportiva fa davvero piacere annoverare tra i nostri partner una figura come la tua. Cosa ne pensi tu del mondo dello sport? Se non erro, hai trascorsi in usport di squadra; inoltre sei mamma di due gemelli cestisti in ascesa...

Esatto! I due gemelli cestisti mi hanno fatto ri-emergere una passione che negli anni si era un po’ sopita, sotto altre incombenze e necessità, che è proprio quella dello Sport.

I miei trascorsi sono legati al mondo della pallavolo e a quello del tennis, sia uno sport di squadra che uno individuale.

Leggi tutto...

Centro Sportivo Tre Ville

centrosportivotreville

Informazioni

A.P.D. "E CRUSERI AD SA PIR"

VIA UNGARETTI n. 12

48125 SAN PIETRO IN CAMPIANO (RA)

P. IVA: 01243460399

Codice: F.I.P. 029937

Telefono: 340 8417101

Mail: info@cruseri.it

I nostri amici

Prossimi Eventi

Nessun evento

 

 logofip  logocsi

 


A.P.D. "E CRUSERI AD SA PIR" | VIA UNGARETTI n. 12 | 48125 SAN PIETRO IN CAMPIANO (RA) | P. IVA: 01243460399 | Codice: F.I.P. 029937 | Telefono: 340 8417101 | Mail: info@cruseri.it