header2018 01 rid

Speciale Soci Cruseri

logo floc 2018-2019

Il Cruseri su FB

facebooklogo

Crus Channel TV

YouTube-logo-full color

Calendario

calendario

MAMME "RUGBISTE"

Era da un po' di tempo che volevo dare spazio alle mamme dei nostri Mini-Rugbisti.

Mi interessava conoscere un po' più da vicino quali possono essere state le motivazioni per avvicinare i propri figli a questa disciplina e come viene vissuta la logistica attorno ai vari momenti di questo sport.

Alcune mamme si sono rese disponibili per rispondere ad alcune mie domande: Cristina (mamma di Alessandro), Elena (mamma di Aurelio, Alessandro e Amerigo) e Antonella (mamma di Filippo). Ringrazio loro per la cortesia ma ringrazio anche tutte le altre mamme dei nostri Rugbisty che seguono i loro figli in questa affascinante avventura!

Andrea Pezzi: Come siete venute a conoscenza del Rugby? Quali sono stati gli elementi che vi hanno portato a scegliere questo sport?

Cristina: Sinceramente non sapevo molto. Per passaparola siamo venuti a conoscenza dei corsi organizzati dal Cruseri e abbiamo fatto una giornata di prova. Ho apprezzato fin dall’inizio lo spirito di squadra e la possibilità di viverlo con una minore competitività rispetto ad altri sport mantenendo in allenamento un senso più ludico e consono all’età dei miei bambini. 

Elena: Ho trovato un volantino a San Pietro in Vincoli; lo sport mi aveva già incuriosito per l’approccio inglese più formale e “galante” quindi ho chiamato la Daniela e fissato  la prima prova.

Antonella: Siamo venuti a sapere che hai Cruseri facevano Rugby tre anni fa, grazie alle giornate di presentazione che Simona e Federico facevano nelle scuole durante la lezione di ginnastica. Subito mio figlio si è appassionato sia allo sport che ai due allenatori che hanno, secondo me, il giusto approccio con i bambini. Dopo aver provato sul campo all'aria aperta, nonostante freddo/caldo/acqua/fango, l'entusiasmo di mio figlio mi ha convinto che questo è lo sport giusto per lui.

 All blacks

Come ti poni di fronte ad allenamenti/partite svolti all'aperto e conseguenti lavatrici per eliminare segni di erba/fango? So che molte mamme sono terrorizzate da questo....

Cristina: Io sono felice che possano stare all’aperto e nelle giornate di pioggia i miei ragazzi si divertono ancora di più! Le lavatrici non mi preoccupano e una bella doccia calda risolve tutto.

Elena: Non c’è nessuna mamma dei bambini in squadra preoccupata di questo aspetto, io ho tre figli maschi che fanno tutti e tre rugby e più fango c’è più si divertono.

Antonella: Sinceramente non mi sono mai posta il problema del freddo o del fango...anzi gli allenamenti sotto l'acqua a mio parere sono fantastici e devo dire che da quando facciamo Rugby praticamente Filippo non si è più ammalato! Finito l'allenamento una… bella doccia calda nello spogliatoio Cruseri…una lavatrice per i panni sporchi e il gioco è fatto!!!

Pratichi (o praticavi sport)? Conoscevi il Rugby prima di entrare nella Galassia del Cruseri?

C: Purtroppo nessuno. Sono una irriducibile pigra. Come detto sopra sapevo poco o nulla di Rugby.

E: Faccio sport regolarmente e trovo il Rugby uno sport affascinante per lo spirito di squadra che insegna ai nostri figli; il Rugby Ravenna mi era familiare ma ho pensato che la fortuna di avere una società così vicina a casa andasse riconosciuta.


Cos'è che ti piace di più del Rugby? C'è, invece, qualche aspetto che vorresti cambiare?

C: Sono felice che i miei bambini si divertano. Non mi interessa altro.
E: Il particolare affiatamento tra giocatori e la grande fisicità di questo sport che permette anche ai bambini più timidi di potersi esprimere. Al momento non ho trovato nessun elemento da campiare.
A: Considerando che io personalmente ho praticato Nuoto per circa 6 anni (più o meno direi...nel secolo scorso...) e che non avevo idea di cosa fosse il Rugby…devo dire che il senso di rispetto che insegna questo sport, la non-competizione e il mitico terzo tempo dopo i concentramenti (dove i bambini dopo aver giocato l'uno contro l'altro si ritrovano a tavola a ridere e scherzare su quello che è successo in campo) mi hanno portato a credere che la scelta RUGBY si stata quella giusta.

Hai un idolo sportivo?

C: Nessuno in particolare.
E: Sono appassionata di danza classica, ex ballerina, non posso non apprezzare Bolle e il meraviglioso lavoro di diffusione e sensibilizzazione alla danza che sta facendo.

Terzo tempo

Il Terzo Tempo: ormai una costante di questo sport! Come lo vivi? Momento di aggregazione o un’ulteriore fatica nel cucinare “pietanze extra”?

C: È un bellissimo momento di condivisione ed amicizia.

E: È il momento di condivisione di bambini e genitori; abbiamo imparato tanto in questi 2 anni abbondanti! Impariamo dai bambini ad essere spontanei, a guardare una partita bevendoci una birra o uno Spritz, indossando la maglia della squadra sugli spalti.
A: Anche dopo gli allenamenti spesso ci si ritrova per un terzo tempo negli spogliatoi e preparare qualcosa per i bambini non è certo un problema soprattutto vedendo la e voracità con cui mangiano mentre ridono e scherzano tra di loro.

Che cosa dire?

E' un piacere apprezzare lo spirito che descritto da queste mamme che sembra contagiare di entusiasmo tutto il nostro movimento biancoblu della palla ovale! 

Share

Centro Sportivo Tre Ville

centrosportivotreville

Informazioni

A.P.D. "E CRUSERI AD SA PIR"

VIA UNGARETTI n. 12

48125 SAN PIETRO IN CAMPIANO (RA)

P. IVA: 01243460399

Codice: F.I.P. 029937

Telefono: 340 8417101

Mail: info@cruseri.it

I nostri amici

Prossimi Eventi

Nessun evento

 

 logofip  logocsi

 


A.P.D. "E CRUSERI AD SA PIR" | VIA UNGARETTI n. 12 | 48125 SAN PIETRO IN CAMPIANO (RA) | P. IVA: 01243460399 | Codice: F.I.P. 029937 | Telefono: 340 8417101 | Mail: info@cruseri.it